domenica 24 maggio 2009

Turbinanti fiori di donna..


Poi, copro lo specchio. Passo oltre. Dimentico la mia
immagine e torno a questo letto. Ameni pensieri
si intrecciano a ghirlande dimenticate
nella radura del mio essere.
Voglio urlare di vendetta.
Voglia scrivere d’isteria.
Voglio viaggiare con lucenti onde marine.
Voglio sorridere di più.
Per me stessa, bramo l’incantesimo di corpo
e anima. Nulla più. Mio solo pensiero.
Mio solo sogno. Mio solo io.
Domani comprerò il tempo del riposo,
offrendo interminabili fughe ai miei
occhi disonesti. Metterò sul fuoco sogni sognati
troppe volte e canterò il tempo dell’abbandono,
mentre fuori e dentro di me, le ore scorreranno
lente e i giorni, i mesi, gli anni, velocissimi.
Suonerò senza respiro e penserò a cuori gonfi
d’amore e a incenso in turiboli d’argento.
Penserò alla vaniglia, all’oppio della tua pelle.
Penserò alla giovinezza che non ho mai avuto
e ai posti che non ho mai visitato.
Penserò all’uomo incontrato in un giorno freddo
di un inverno ormai lontano. Penserò alla sua sciarpa lunga e calda.
Mi aspettava tra la folla. Strano, aspettava me
con un fiore tra le labbra, con la sua barba incolta
e i suoi occhi neri confusi quanto i miei.
Sogno o realtà. La mia vita interiormente cambiata.
Mi assolvo prima di peccare.
Mi assolvo.
Cratere acceso…erutto profumati lapilli rossi.
Erutto incanto e magia.
Esplosione d’animo verecondo.
Turbinanti fiori di donna.

8 commenti:

  1. L'insostenibile leggerezza del tuo essere. Indubbiamente.
    Con tutto il cuore, con tutta l'anima. T'auguro di poter abbracciare, anche seppur per un istante, quella persona che veramente ha compreso e capito i tuoi versi.
    Appaiono dolcissimi in un incontro di parole meravigliose, scivolano dolci su note armoniche per dimostrare quanto complessa può essere la tua mente che tutto stravolge in una fondata illusione di benessere per coprire con una mano lo specchio della verità.
    T'abbraccio e con un dito contorno il tuo sorriso.

    RispondiElimina
  2. Nessuna assoluzione...nessuna condanna...solo un fiore incastrato dentro...fino al cuore...e oltre.

    RispondiElimina
  3. credevo di essere solo..a guardarti tra le onde del mare, disperso leggo le tue parole in cio che la natura di meglio sa dare..

    RispondiElimina
  4. grazie a tutti, davvero...anche le mie, parole, Maurizio, sono disperse...io le vedo nel vento...un abbraccio

    RispondiElimina
  5. bellissime parole e io mi perdo in te,la tua scrittura buca il mio cuore,ciao lucia buona serata.

    RispondiElimina
  6. bellissime parole ,brava quanta dolcezz in te!

    RispondiElimina