giovedì 11 giugno 2009

Lussuria


Ho visto “ Lussuria “, solo qualche giorno fa, in dvd.Il film, vincitore del leone a Venezia nel 2007, girato da Ang Lee, mi aveva affascinanto all’uscita nella sale, eppure non andai a vederlo. Mi chiedo solo ora, il perchè. È bellissimo e interpretato da attori “veri “, così rari da trovare.E’ un film girato in modo magistrale, ambientato negli anni ’40 a Shangai. La guerra è arrivata anche nel lontano oriente. I giapponesi invadono la Cina continentale istaurando un governo fantoccio a Shangai. Ed è qui che la giovane Wang Jiazhi, con un gruppo di amici universitari sposa la resistenza. Insieme oragnizzano un piano per stanare e uccide Mr. Yee, un pezzo forte del governo di Shangai che collabora con i giapponesi. Il piano consiste nel far interpretare alla giovane Wong, il ruolo di una ricca signora di Hong Kong e farla entrare nelle grazie di Yee. Questo piano, in un primo tempo, fallisce miseramente, per l’ innocenza e l’inesperianza del gruppo. Passano tre anni, Wong insegna, riprende gli studi universitari, fino al giorno in cui, un compagno la ritrova e le racconta che ora fanno parte di un vero movimento di resistenza e che hanno bisogno di lei. Acceta, senza porsi troppe domande. Riesce a entrare nella casa di Yee, a diventare amica della moglie e a sedurlo.
Non aveva messo in conto una cosa, però. Perde letteralmente la testa per quest’uomo che le fa scoprire il piacere dei sensi, la vera passione, l’unione della carne. Tutte cose che non aveva immaginato. Diventa “ schiava”. Lo aspetta per notti e notti, mentre lui è fuori, in viaggio ed è partito senza una parola. Non vede l’ora di chiudersi in una stanza con lui, per respirare le stessa aria, nutrirsi di lui e lui di lei. È gelosa. Fa scenate e dentro si sente morire. Si innamora di quest’uomo all’apparenza cosi cattivo e freddo, e invece scopre un uomo molto solo e silenzioso. Una solitudine che si porta dietro da anni e alle quale il potere l’ha condannato. I loro incontri intimi sono forti, lunghi,estenuanti e insaziabili.Si mangiano, si mordono, si leccano per ore. Si sente l’odore, si vede il sudore e si stana il sentimento ritrovato sul volto duro di Mr. Yee. C’è una scena molto bella, nella quale Wong canta per lui, un vero “ canto d’amore “ .Lui sente che quel sentimento è vero . Si commuove e la “violenza “ mostrata la prima volta che la fece sua, in un appartamento vuoto, è scomparsa, lasciando posto all’amore e alla fiducia.
Ma il destino è dietro l’angolo. Sta aspettando. Triste e senza via di scampo.

5 commenti:

  1. A questo dolcemente sorrido. Volgo le spalle al passato e posso ancora sognare.

    RispondiElimina
  2. e io sorrido e sogno con te un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Salutare l'oriente in un bacio è difficile ma ne ebbi la consapevolezza che d'amore si muore..

    RispondiElimina
  4. Io sono uscita a poco più di metà film. E' fintissimo. Assolutamente improbabile. Gli attori?? Quali attori?? ci si è proprio proprio dimenticato cosa sia il cinema...

    RispondiElimina