lunedì 14 settembre 2009

A un uomo carezzevole


Eri bellissimo in quel momento,mentre venivi da me, tutto bagnato,
la pelle accesa da mille bagliori.
- Ho fatto la doccia -, hai detto lasciandomi un bacio leggero
sulle labbra.
- Lo vedo …
Hai continuato ad asciugarti, ma non sei riuscito a toglierti di dosso
quella luce che ti illuminava come non mai. Per un attimo mi è
mancato il fiato. Ma non ho detto niente. Ho guardato soltanto,
tutto il tuo splendore. Quello che tu, la maggior parte delle volte non
sai nemmeno di avere.

8 commenti:

  1. bellissimo scritto,molto sensuale,ciao lucia,tutto bene?

    RispondiElimina
  2. grazie achab....si tutto benissimo grazie...un abbraccio

    RispondiElimina
  3. lo splendore splende di più quando chi ce l'ha non sa di averlo.. è come una foto che qualcuno ci scatta senza che ci mettiamo in posa.. ti abbraccio, lu.. milena.. ps. davvero tanta bellezza in queste righe..

    RispondiElimina
  4. Ti dissi di spegnere la luce, ma la luce eri tu.

    RispondiElimina
  5. Ed è proprio questo segreto che amiamo di chi ci sta vicino. Quei piccoli particolari che sappiamo cogliere solo noi, nei nostri momenti, nella nostra immensità.
    E di queste cose non vorremmo mai farne a meno per vivere una cento mille volte le stesse sensazioni. Ed è tutto un preludio a quello che poi sarà amore, che poi sarà attimo, eternità tutto assieme.

    RispondiElimina
  6. si Milena, a volte le persone intorno a noi hanno na luce particolare, che possiamo cogliere, rubare e serbare...un bacio

    RispondiElimina
  7. ma io l'avevo spenta, maurizio ! bacio

    RispondiElimina
  8. si asha, sono piccoli segreti che hanno addosso, e sono quelli che più amiamo guardare...un abbraccio

    RispondiElimina