martedì 13 aprile 2010

Fame e sete


Sulla fica sente ancora il calco della faccia di lui.
Premeva con tutto il viso.
Adorava soffocare in quella carne calda e morbida.
Voglio respirare solo il tuo odore, diceva.
Così restava a lungo con il viso tra le sue cosce.
A leccarle la fica. Lei ansimava.
Si adagiava con il busto sul corpo dell’uomo e
raggiungeva il suo cazzo.
Lo succhiava con lo stesso ardore che sentiva scaturire
dalle vibrazione che avvertiva nella fica.
Erano tutt’uno. Erano uniti come non mai.
Ho ancora fame e sete di te, amore.
Ho ancora fame.
E sete.

5 commenti:

  1. Emozione forte quando mano stringe lenzuolo rosa..

    RispondiElimina
  2. quando cuore batte all'impazzata. qunado labbra ardono . quando pelle conosce brividi. quando anima trabocca di gioia....

    RispondiElimina
  3. Incontro

    Qualcuno entra nel silenzio e mi abbandona.
    Ora la solitudine non è sola.
    Tu parli come la notte.
    Ti annunci come la sete.

    RispondiElimina
  4. è stupenda questa poesia...da brivido, davvero, avrei voluto scriverla. un abbraccio

    RispondiElimina