mercoledì 7 aprile 2010

Luce e ombra


Ti aspetterò ancora.
Nei lunghi pomeriggi
di primavera.
Aspetterò la tua voce,
le parole amiche,
il tuo passo veloce.
Mi metterò sull’uscio
di casa
accanto ai girasoli
che abbiamo comprato insieme,
nel mercatino del paese.
Immobili, faranno da
sentinelle.
E quando, arrivando da lontano,
vedrai quel giallo luminoso,
sorriderai, lo so.
E ricorderai la mia luce
d’oro che non ti lascia scampo.
Quella luce che brilla
e che attende un po’ della tua ombra.

2 commenti:

  1. Sai scrivere le piccole emozioni e la vita di tutti i giorni.Un inchino
    Clochard

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina