mercoledì 20 ottobre 2010

Di carne e di nuvole


La donna si guardò allo specchio. Si bagnò il viso e lo asciugò con cura. Aveva le labbra rosse e un segno sul collo, proprio sotto l’orecchio sinistro. Accarezzò quel segno e sorrise. Perché sapeva che era stata la bocca dell’uomo a lasciarglielo addosso. A lungo, si era nascosto tra le pieghe del suo collo. Cercando riparo, calore.
- Com’era il tuo sogno ?-, le chiese,- che ti spingevo contro la parete, ti baciavo e
ti toccavo tra le gambe ?!?!
- Si . -, disse la donna tra gli abbracci.
Allora l’uomo si staccò da lei per pochi secondi, la spinse con forza contro la parete bianca e si buttò sul suo corpo caldo. Le infilò la mano tra le cosce.Lei allacciò una gamba intorno al suo fianco e rispose ai quei baci e a quei morsi con respiro affannoso. Indossava ancora la blusa e gli slip, ma in un attimo l’uomo la spogliò. Si lasciarano andare sul letto morbido e l’uomo le entrò dentro. Fecero l’amore con intensità- la loro intensità- e la donna ogni volta restava sorpresa dalla curiosità e dal desiderio dell’uomo. La guardava di continuo.
Erano su un fianco, uno dentro l’altra.
- Stai comodo ? -, chiede lei.
- Si. Voglio stare così per guardare bene il tuo viso.
L’uomo le disse che aveva un viso bellissimo e che diventava ancora più bello nei momenti d’ammore. La donna sorrise e fece scivolare gli occhi lungo i loro corpi. Quello che vedeva era un fiume di pelle che si mischiava. Vedeva il suo seno sinistro , il petto e le spalle dell’uomo, le sue gambe aperte, il fianco destro dell’uomo , la sua pancia. Poi, l’uomo si sollevò , sollevò il busto tenendosi con le mani sul letto e entrambi fecero scivolare gli occhi lungo i loro corpi. E ora la donna vedeva la pancia dell’uomo e il suo sesso che le spariva dentro.
Lo guardavano incantati e eccitati, entrare e uscire.
- Ti mangio-, disse la donna.
- Si .-, disse l’uomo. – Si.
Poi si lasciò andare sul corpo della donna. Si strinsero, fondendosi. L’uomo spingeva forte dentro di lei. I cuori accellerati. I battiti forti alla base della gola. Di colpo, si fermarano. Come una quiete dopo una tempesta. E presero a baciarsi soltanto. Baci teneri.
E presero a parlarsi. Parole zuccherose.
La donna si alzò tra le carezze incessanti dell’uomo. E si girò. L’uomo le stava dietro, ora. E dentro. La donna si teneva con le mani sul letto, accoglieva i colpi dell’uomo. Ogni tanto girava il viso indietro, per guardarlo. Ansimava. Guardava i seni ballare. Le piaceva. Le piaceva molto essere presa così. Poi si alzò con le spalle e fece aderire la schiena al petto dell’uomo che continuava a muoversi dentro di lei. Lui l’afferrò con forza. E dentro quella forza sentiva dell’altro.Un mondo di sensazioni, troppo difficili da elencare. Aveva un braccio dell’uomo che le premeva sul seno e l’altro sulla pancia. E una scarica di colpi che l’uomo le fece arrivare anche nell’anima. La strinse forte dicendele che la voleva tanto. E poi le carezzo piano la pancia, con protezione, con lenimento sotto le mani morbide.
- Ti voglio tanto.
- Ti voglio tanto anch’io.
- Ma che mi fai tu, eh ?!?!?
La donna non rispose, sorrise soltanto restando ancorata in quell’abbraccio di carne e nuvole.
Dopo – nella penombra della stanza – l’uomo se ne stava sdraiato con gli occhi chiusi. La donna era ai piedi del letto, con la testa appoggiata sul braccio dell’uomo.
- Mi pensi ancora all’alba ? – gli chiese.
- Ti penso sempre. Alle sei di mattina, di tutte le mattine.
L’uomo disse che pensava alla casa in quel posto di mare, che pensava al loro letto.
- Il nostro letto -, ripetè la donna con dolcezza e stupore.
Era ancora lì, con la testa sul braccio dell’uomo. Gli baciò il braccio, gli leccò l’ascella e si strusciò con il viso sul suo petto, senza mai smettere di baciare la sua pelle.
Lui la strinse a sé, con gli occhi ancora chiusi.
- Il nostro letto. Il nostro letto -, disse l’uomo lasciandole un bacio lieve tra i capelli.

2 commenti:

  1. sta volta non te lo posso proprio dire quello che penso... ;-)), magnifica descrizione però, un bacio Lucia, ciao.

    RispondiElimina
  2. va bene...eio non chiederò:))))) un bacio a te ciao..

    RispondiElimina