domenica 9 gennaio 2011

Fame


Io raccolgo istanti. Sempre.
Li avvicino. Li sistemo. Ne faccio un mazzo di fiori.
Ogni tanto li guardo. Li annuso. Poi li dimentico.
L’ombra del giorno mi attraversa. Mi taglia il viso.
Così appaio diversa da come sono.
Sono malinconia e felice.
Sono seria e spensierata.
Sono casta e meretrice.
Sono lacrime e risate.
Sono sangue e pelle.
Sono tutto e nulla.
Nell’orecchio ti concedo il mio dire. Le parole ti entrano nella testa.
E volano libere. Ma prive di smarrimento.
I tuoi occhi li serbo gelosamente in fondo al cuore.
Da quando sono lì, i miei battiti sono accellerati.
Da quando sono lì, io sono viva. Ma con dolore.
Io corro, sai ? Corro durante il sonno.
Corro in spazi verdi e incontaminati.
Felice come una bambina. E poi di colpo la corsa cambia.
Diventa fuga. Fuga nella notte. Fuga nelle tenebre.
Quando ci ripenso ho paura. Di quel volo. Di quell’incomprensibile spazio e tempo.
Voglio correre ancora. A perdifiato. Voglio urlare. Sognare.
Deglutire stelle. E vomitare aria.
Voglio rileggere “ Fame “ di Hamsun.
La pagina meravigliosa in cui così povero vuole vendersi la cravatta.
“ Tutto quello che possiedo a questo mondo….”, dice.
Si commuove delle sue stesse parole. E io piango con lui.
Ogni volta. Ogni volta che leggo. Gran libro.
/Fame/
Ho fame di parole/ Di ricordi/ Di futuro/ Di empatia.
Di patatine.
Ho fame di gioia. Di luce estiva. Di capelli pettinati dal vento.
Di pioggia nei campi.
E
Continuo così. In uno spazio bianco/nero/rosso/lilla.
A barcollare senza sosta.
Aspettando la clemenza della luna.
I soffi sulla pelle.
I baci tuoi scaduti.
E l’abbaiare dei cani.

12 commenti:

  1. ..molto belli questi pensieri :o)
    ciao
    SdS

    RispondiElimina
  2. quando leggo Post come questi.. Lucia, mi sembra di avere il cranio scoperto all' aria, come un pentolone.. con un mestolo di legno bruciacchiato che gira e rigira tutto.. rimescolando i moti della mia "vita sperimentale".. flagellando di utopia e sorrisi i miei pensieri.... sembro esagerato?!?.. non importa, sono molto contento di conoscere Te e il tuo Blog...

    baci Lucia.

    RispondiElimina
  3. @ suilibrio - grazie...sei gentile

    RispondiElimina
  4. @ mauro - non sembri esagerato...la scrittura e la lettura a volte comportano queste sensazioni...anche io sono felice di conoscerti....di averti incontrato, qui, in mezzo a tante parole..baci a te

    RispondiElimina
  5. Cara Lucia, da te si puo solo sognare..
    I mei baci
    Maurizio

    RispondiElimina
  6. @ maurizio- grazie mau....ricambio i baci

    RispondiElimina
  7. Fame di sogni, ricordi e fantasie...
    Lei è la Gainsbourg, vero?
    Irreale e magnifica quanto il padre

    RispondiElimina
  8. si, è charlotte gainsbourg...che adoro particolarmente...ha un fascino molto particolare, una bellezza fuori dal comune...oltre ad un innato talento.

    RispondiElimina
  9. I tuoi post tolgono sempre il fiato e fanno sognare, grazie.
    Un caloroso abbraccio

    RispondiElimina
  10. grazie madame bovary....un abbraccio forte a te

    RispondiElimina
  11. Sono parole toccanti e molto belle e questo blog una magnifica scoperta

    RispondiElimina