giovedì 3 febbraio 2011

Addio a Maria Schneider


Un sogno chiamato Maria...

4 commenti:

  1. Che ci credi o no ho pensato a te quando l'ho saputo, hai postato un pezzetto dell'ultimo tango a Parigi poco tempo fa.

    Dispiace sempre anche verso quel mondo dorato, che lei ha conosciuto poco. Pensiamo che siano immortali i nostri cari, figuriamoci per loro che vivono lì...

    RispondiElimina
  2. Ricordo Ultimo tango. Un sogno.

    RispondiElimina
  3. Nell'Ultimo tango" il suo corpo ha fatto carne i nostri sogni, quasi li avesse pietrificati per sempre come in una scultura di marmo invisibile.
    Con la sua morte sento, sento che quel sogno, divenuto pietra cristallina, incredibilmente, si è dissolto, per sempre. Anche i sogni muoiono..... Ma che ci resta allora?! Che c'è di eterno!?
    Francesco

    RispondiElimina