mercoledì 9 marzo 2011

Fino a farmi male


Con una sottile paura,
apro quel cassetto .
Cerco parole antiche.
Sotto le dita, mi solleticano
le consonanti e le vocali.
Le metto in ordine
e riscopro parole d’amore che
avevo scritto per te.
Sono sempre tue, amore.
Le lascio ancora qui, a riposare.
Quando vuoi te leggerò soffiandoti
sul cuore.
Tu farai cadere a terra il mio
Kimono e senza guardarmi
mi stringerai fino a farmi male.

2 commenti:

  1. ... con tutte le lettere che ho scritto e che non ho mai consegnato o letto alle destinatarie... credo che potrei scriverci un libro :-) !! Quel che sò però.. e che quando le rileggo (ritrovandole nei posti più impensbili della mia tana)... i soffi al cuore vengono a me !!

    bellissimo Post, un abbraccio Lucia.

    RispondiElimina
  2. io invece ne scritte poche, e lette a distanza di anni...erano davvero brutte :)) un abbraccio mauro

    RispondiElimina