domenica 9 ottobre 2011

Il suo sperma


Il suo sperma..Il suo sperma bevuto dalle mie labbra era la comunione con la terra.
Bevevo con la mia magnifica esultanza...guardando i suoi occhi neri che
fuggivano come gazzelle.
E mai coltre fu più calda e lontana e mai fu più feroce il piacere dentro la carne.
Ci spezzavamo in due come il timone di una nave che si era aperta per un lungo viaggio.
Avevamo con noi i viveri per molti anni ancora i baci e le speranze e non
credevamo più in Dio perche' eravamo felici.

(Alda Merini)

7 commenti:

  1. Amo molto questa poesia, la Merini è riuscita a descrivere questo atto con una grazia poetica che solo lei aveva.

    RispondiElimina
  2. Semplicemente stupenda...non saprei che altro aggiungere...

    RispondiElimina
  3. LA felicita di essere li come figli di un dio minore. Unici.

    RispondiElimina
  4. @ noir- Alda Merini...è unica e riesce a dire le cosecon un erotisimo e un misticismo indicibili..

    RispondiElimina
  5. @ madame bovary- stupenda, hai ragione...

    RispondiElimina
  6. Mai ingoio fu più poetico. mo' me lo segno (sul serio)

    RispondiElimina