domenica 20 novembre 2011

A Marlon Brando...


La prima volta che ho visto “ Ultimo tango a Parigi “, avevo diciassette anni. Seguii il film , come in apnea,trattenendo il fiato di scena in scena, seguendo gli sguardi che solo Bertolucci ti sa regalare da dietro la macchina da presa. Ero incantata dalla bellezza di Maria Schnaider e dal fascino inquieto di Marlon Brando. Il suo viso imbronciato, incazzato, di chi ce l’aveva con il mondo,ma soprattutto ho adorato il suo cappotto color cammello, che indossa quasi per tutto il film. Mi fa impazzire la prima scena di sesso tra i protagonisti. Maria Schnaider, indossa una blusa, stivali, cappotto con pelliccia e un cappello. Parla di continuo e va avanti e indietro per l’appartamento. Marlon Brando è silenzioso, si guarda poco in giro.Ha il bavero del cappotto leggermente alzato e quando prende con foga la ragazza, tiene su il cappotto per tutto il tempo.Non so…per me è la scena più bella di Ultimo tango.La più erotica in assoluto della storia del cinema. Perché gli attori sono vestiti. Perché lui indossa quel cappotto.Perché si vedono solo le gambe di lei, vestite da stivali
( tra l’altro bellissimi, ho una mania per gli stivali !!! )che lo cingono e si sentono solo i suoi gemiti strozzati dal piacere.
Bertolucci è un grande regista per questo. Delinea. Abbozza.(In alcuni film anche in maniera cruda.)Poi lascia viaggiare la fantasia dello spettatore.Ti fa vedere ogni cosa, senza mostrartela.
O mostrandotela solo in parte.
Ma in questa scena non c’è solo erotismo, ci sono silenzi,domande senza risposta,ci sono sguardi, ci sono vuoti e due solitudini che si incontrano.C’è desiderio…c’è dentro un sacco di roba.
La vitalità e l’inquietudine. La giovinezza e la maturità.
La giovane donna che si lascia andare alle sapienti carezze dell’uomo attempato.
Io invidiai incredibilmente Maria Schnaider ! Avevo solo diciassette anni, eppure , Ultimo tango, colpì molto la mia fantasia in questo senso. Non nego che adoro ancora oggi, gli uomini che indossano il cappotto. Un cappotto lungo, scuro, avvolgente e che magari, lo portino proprio come lui, con il bavero leggermente alzato. E ancora oggi, non nego, che sono attratta da uomini molto più grandi di me…e ritengo che sia tutta colpa di Marlon Brando ! E allora….

A Marlon Brando.
A Marlon Brando e al suo cappotto cappotto color cammello.
Il cappotto che ancora mi fa sognare.

10 commenti:

  1. a me, di quel film lì, è rimasta la straordinaria follia della sala da ballo.

    RispondiElimina
  2. Mon Dieu, ma un post simile non lo avevi già scritto?
    ....o il buon Monsieur si sta rincoglionendo?

    RispondiElimina
  3. avevo citato un dialogo del film, tempo fa...quindi la memoria non è tutta persa eh eh eh eh

    RispondiElimina
  4. Ogni tanto lo rimetto su,
    adoro questo film.
    E' magistrale nell'eros.

    RispondiElimina
  5. io non lo vedo da un pò...ma devo rimetterlo su...meraviglioso, si..

    RispondiElimina
  6. ecco perché non mi sono mai comprato un giubbotto! ^^

    RispondiElimina
  7. lo ricordo si , e l'unica cosa che mi è rimasta è " la trasgressione" , la fatidica scena insomma..il resto del film e il personaggio non mi ha lasciato nulla. Forse è il caso che lo riveda....
    :) buona domenica Nichi

    RispondiElimina
  8. Ah bene bene allora vuol dire che faccio bene a mettere spesso il cappotto ;)

    RispondiElimina