martedì 15 novembre 2011

Uno vive così


Uno vive così, protetto, in un mondo delicato, e crede di vivere. Poi legge un libro (L’amante di Lady Chatterley, per esempio), o fa un viaggio, o parla con Richard, scopre che non sta vivendo, che è ibernato. I sintomi dell’ibernazione sono facili da individuare: primo: inquietudine, secondo (quando l’ibernazione diventa pericolosa e può degenerare nella morte): assenza di piacere. Questo è tutto. Sembra una malattia innocua. Monotonia, noia, morte. Milioni di uomini vivono in questo modo (o muoiono in questo modo), senza saperlo. Lavorano negli uffici. Guidano una macchina. Fanno picnic con la famiglia. Allevano bambini. Poi interviene una cura “urto”, una persona, un libro, una canzone, che li sveglia, salvandoli dalla morte.

Da “I diari”

Anais Nin

3 commenti:

  1. E poi è un'esplosione che somiglia allo spavento e alla meraviglia di nascere.

    RispondiElimina
  2. Non a tutti.
    Ma, a volte accade.

    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Bello questo estratto anche se concordo anche io con Nero...
    Un abbraccio, a presto mia cara! Buon proseguimento di settimana!

    RispondiElimina