mercoledì 12 settembre 2012

Paris

Rue Rivoli è una delle vie dello shopping francesi. Ma al numero 59 c’è anche un bel palazzo colorato. “ Chez Robert “, un atelier di artisti. L’entrata è libera e gli artisti , come recita la locandina, sono tutti viventi. Entro e mi trovo in un mondo colorato. Dove a farla da padrone è l’odore di vernice, è la musica che si mischia ai visi e alla voci delle persone. Sembra una comune anni ’70. Alcuni artisti sono lì che sono a lavoro. Visito tutti e sei i piani e un’euforia e una strana e improvvisa bonheur, mi avvolge e mi fa nascere un sorriso tutto nuovo sul viso.


Passo per St. Denis. E’ pomeriggio e mi viene voglia di una crepe au sucre. Mi fermo dove già qualche giorno fa ne ho mangiata una fatta davvero bene.
- Bonjour.
- Bonjour, une crepe au sucre, s’il vous plait.
Il tipo sorride e mi sa che si ricorda di me. Qualche giorno fa mi fece notare che avevo il viso molto stanco e in effetti quel giorno avevo macinato chilometri e dormito male la notte prima.
- Comme ça va ?
- Ça va bien, merci.
- Vous amez Paris ?
- Oui, je l’aime beaucoup. Aujourd’hui il fait très chaud!
- Vous mange la crepe en place ou emporter ?
- Enporter.
- Dommage ! vous ne la mange pas ici ? Avec moi ?
Sorrido, mentre mia sorella in napoletano mi dice “ hai visto ? te l’ho detto che l’altro giorno ti guardarva in un modo…altro che viso stanco !”
- Vous restez encore à Paris ?
- Oui, encore quelques jours.
- Vous n’avez pas un numero de telephone ?
- Oui, mais je ve laisse ma page facebook !
- Ok, vous etes libre ce soir ? vous pouvez venir ici, environ 20h00.
Sorrido, ancora. E poi dico. – je réfléchirai. Peut etre. Eh eh he
Legge il mio nome sul foglio. Gli spiego che è un nick e che mi chiamo Lucia e sono italiana.
- Italienne ? Superbe ! Bellissime italiane !
Mentre mi prepara la crepe , con lo zucchero disegna un cuore.
- Voilà , madmoiselle ! pour vous, mon coeur!
- Oh ! merci monsieur ! vous etes gentil avec moi !
- À ce soir ?
- Peut etre…-, dico con l’aria da broncio fico che hanno le francesi, ma non mi riesce mica bene .
Cammino mangiando la crepe con Marilena.
- Lu, ma c’a ‘itt ???? (ma che cavolo ha detto ?)

Vado a Beliville con la linea 11 da chatelet. E rimango delusissima. E’ brutta da morire. Una piccola cina. Periferia della città, con il parco, anche lui brutto da morire. Non sembra Parigi. Ho sprecato una giornata. Ma anche quest’angolo andava visto. Negozietti con prodotti cinesi a prezzi bassissimi. Cibo africano, cinese, marocchino. Mille spezie che si mischiano, murales e strade sporche.

Spesso, di sera, mi piace andarmene al Louvre. Entro nel palazzo e luci della sera mi rivestono tutta d’oro, di rosa e d’indaco. Si sta tranquilli, anche se c’è gente. In particolare, a quest’ora, vengono i giapponesi . Molte coppie giapponesi si sposano a Parigi. E con il fotografo scelgono questo luogo, e altri luoghi importanti, per il loro book di nozze. E io che pensavo che queste robe si facevano solo a Napoli! I giapponesi non conoscono limiti, però. Non si stancano mai di mettersi in posa.
A quest’ora, mi piace stare qui, perché si sente della buona musica classica, suonata da musicisti, che con il loro strumento deliziano chi passa. Chiudo gli occhi sulle note. Poi li riapro. E accolgo questi colori. Che mi riempiono soprattutto quando ascolto Casta Diva, suonata da un violoncello lontano. Che sembra soffrire, quando gli passo vicino.

3 commenti:

  1. A me Beliville non è dispiaciuta....forse c'è un po' troppo Miller in me, che mi càlamita in direzione del decadente e del trasandato... ;-)
    Non sai quante volte mi ritrovo a passeggiare da solo, di notte per i Quartieri Spagnoli a Napoli...e chi mi conosce mi dà del pazzo.

    RispondiElimina
  2. per i quartieri spagnoli ? beh...posso dire che se devi succedere qualcosa di pericoloso ti può succedere ovunque. io sono capitata a volte nei quartieri spagnoli di giorno ed era tutto tranquillissimo. di notte magari non succede nulla...però io, ecco, al tuo posto eviterei :)))belville non mi è piaciuta perchè mi ricordava tanta la zona della stazione garibaldi a napoli..immagino tu conosco bene anche quella zona :)))

    RispondiElimina